Tu sei qui

Piano Triennale dell'Offerta Formativa 2017/18

La L.107/2015, della ‘Buona Scuola’, prevede che, ogni Istituzione Scolastica, approvi il P.T.O.F. (Piano triennale dell’offerta formativa), contenente le priorità emerse dal R.A.V. e la dotazione richiesta per l’organico funzionale, che servirà al potenziamento dell’offerta formativa.

Tale documento sarà composto dal P.O.F. già approvato nel Collegio Docenti e ‘arricchito’, al suo interno, dall’Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico, inerente le finalità generali, dal Piano di miglioramento, che andrà redatto dal Dirigente in collaborazione sinergica con lo staff e che dovrà contenere, considerate le priorità emerse dal R.A.V., i progetti che l’ Istituto metterà in campo nel prossimo triennio e che riguarderanno le priorità emerse dal Rapporto di autovalutazione.

In ordine al potenziamento delle attrezzature didattiche e laboratoriali ed allo sviluppo condiviso di un curricolo verticale d’Istituto, la Scuola partecipa ai bandi europei, Pon e FESR per ottenere finanziamenti e corsi di formazione per il personale scolastico.

Tale Piano di miglioramento sarà la base per la valutazione di merito del Dirigente Scolastico, nell’ambito dei progressi che l’Istituto compirà alla fine del triennio considerato. E’ da sottolineare che, entro ottobre di ogni anno, come previsto dalla L.107/2015, comma 14, il P.T.O.F. potrà essere aggiornato o riveduto, alla luce di nuove, eventuali, necessità emerse. La coerenza dei progetti proposti con le priorità emerse dal R.A.V. e con l’ausilio dei docenti dell’organico potenziato (compresi quelli richiesti) sarà elemento essenziale per l’accesso ai finanziamenti ministeriali.

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) diventerà, così, “il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale” dell’Istituto Comprensivo Statale di Alvignano.

La sua funzione fondamentale sarà anche quella di: informare sulle modalità di organizzazione e funzionamento dell’Istituto; presentare “la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa” che l’Istituto metterà in atto per raggiungere gli obiettivi educativi e formativi, per il raggiungimento dei saperi e delle competenze degli studenti e delle studentesse, e dell’apertura e della collaborazione della comunità scolastica con le varie Istituzioni locali (comma 2 Legge 107). 9 Infine orientare gli studenti rispetto alle scelte fatte e rispetto a quelle da compiere durante il percorso ed al termine di esso.

Pur nella molteplicità delle azioni didattiche e degli indirizzi di studio, l’intero PTOF si caratterizza come progetto unitario ed integrato, elaborato professionalmente nel rispetto delle reali esigenze dell’utenza e del territorio, con l’intento di formare persone in grado di pensare ed agire autonomamente e responsabilmente all’interno della società.

I principi del PTOF sono:

  • Libertà di insegnamento, nel quadro delle finalità generali e specifiche del servizio, nel rispetto della promozione della piena formazione degli alunni e della valorizzazione della progettualità individuale e di istituto.
  • Centralità dell’alunno, nel rispetto dei suoi bisogni formativi e dei suoi ritmi di apprendimento.
  • Progettualità integrata e costruttiva, per garantire agli alunni maggiori opportunità d’ istruzione, di apprendimento, di motivazione all’impegno scolastico.
  • Responsabilità, centrata su competenze disciplinari e relazionali.
  • Trasparenza e accordo dei processi educativi, nella continuità educativa e didattica in senso verticale e orizzontale (Scuola e Territorio).
  • Documentazione della progettualità scolastica, cercando la partecipazione di un numero sempre maggiore di soggetti.
  • Ricerca didattica e aggiornamento per l’innovazione e la valorizzazione della professionalità docente ed ATA.
  • Verifica e valutazione, accurate in base a precisi indicatori elaborati all’interno dell’istituto, dei processi avviati e dei risultati conseguiti.
  • Assicurare l'attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo l'educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni, al fine di informare e di sensibilizzare gli studenti, i docenti e i genitori sulle tematiche indicate nella Legge 15 ottobre 2013, n. 119.
  • L'insegnamento delle materie scolastiche agli studenti con disabilità assicurato anche attraverso il riconoscimento delle differenti modalità di comunicazione. 

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia, adattato dall'Ins. Angela Maria Fabrizio
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.59 del 25/04/2018 agg.11/06/2018